Going Global: L’importanza dell’Internazionalizzazione per le Imprese del Futuro.

Se c’è una località nel mondo ripetutamente citata dai media, quella è probabilmente la California. Il luogo di nascita di moltissimi giganti tecnologici come eBay, Apple e Tesla, e una potente fucina di talenti dove ogni giorno si lavora a startup e progetti innovativi per il futuro del mondo. Ma, ovviamente, la California non è l’unico posto per fondare una startup, e non è l’unico mercato in fibrillazione per le nuove imprese. Operare al di fuori del proprio mercato locale può sembrare duro specialmente quando capitali e best practices sono più evolute negli altri paesi , quindi è più importante che mai essere globale sin dal primissimo giorno.

Nessuno dubita del dominio della Silicon Valley quando si tratta di cultura di impresa. Secondo uno studio di Startup Genome, l’area ha quasi tre volte la quantità di nuove imprese che hanno le grandi città come New York e Londra. Il ventidue per cento delle nuove startup nella valle hanno successo rispetto alle loro controparti a New York e hanno anche un miglior funding nelle fasi iniziali dello sviluppo. Ma secondo il rapporto del 2017 di Startup Genome, gli USA stanno perdendo i loro punti di forza per hub in Asia e in Europa. Singapore per esempio, domina ora lo spazio per “Most Talent”, essendo la prima città a togliere molti titoli alla Silicon Valley. Città come Londra, Tel Aviv, Berlino e Parigi sono tra le prime 20 città per iniziative legate alle startup.

Ma la domanda è, come puoi creare un business globale? Un decennio fa, avremmo dovuto prendere in mano un libro di testo pieno di esempi su come fare accordi a livello internazionale, negoziare con i fornitori e su come espandersi in un nuovo paese. Ma Internet ha cambiato tutto. Ora puoi essere globale in un attimo e raggiungere un mercato incredibilmente diversificato grazie alla rete.

Essere globali è più facile che mai. Le startup possono pianificare dal primo giorno il supporto linguistico in più regioni in tutto il mondo, utilizzando servizi di traduzione facilmente accessibili. I siti tradotti dalle macchine si impostano in un click per la maggior parte e l’outsourcing della traduzione in un altro paese aggiunge un ulteriore livello alla globalizzazione della tua attività.

I governi di tutto il mondo hanno imparato che cosa di buono può dare una cultura d’impresa ben sviluppata alla loro economia. L’India, per esempio, è stata elogiata dai suoi imprenditori per aver creato una politica favorevole alle nuove e piccole imprese. Secondo il professor William R. Kerr della Harvard Business School i Venture Capitalist non sono più preoccupati se un business ha sede nel suo mercato di origine.

Adesso, la più grande barriera ad essere un’attività globale è la mentalità dei leader nelle organizzazioni. I più grandi marchi internazionali si sono messi a pensare a livello globale, con dichiarazioni che riflettono questa mentalità. Nike dice con orgoglio che la loro missione è “portare ispirazione e innovazione ad ogni atleta del mondo”, mentre Google afferma che il loro obiettivo “è quello di organizzare le informazioni del mondo e renderlo universalmente accessibile e utile”. Questa mentalità internazionale fin dall’inizio assicura che ogni decisione aziendale è presa tenendo in mente il mercato globale, quindi, è di fondamentale importanza conoscere le lingue ed essere multiculturali per creare vantaggio competitivo in un mondo sempre più interconnesso.

1 visualizzazione0 commenti